Amaltea

L'antica testimonianza delle tradizioni pastorali

La legenda narra che Crono, padre di Zeus, nel timore di essere spodestato da uno dei figli, usasse divorare le sue creature. Dopo aver compiuto uno tremendo atto nei confronti di cinque delle divinità da lui generate Rea, sua mogli, lo inganno facendogli ingoiare una pietra avvolto in un panno . Il bambino salvato dalle grinfie del padre era propri Zeus, il quale fu condotto sul monte Ida dell’isola di Creta ed affidato alle cure delle ninfe Melissa, Andrastea ed Amaltea. Fu propri quest’ultima una capra dall’aspetto reale, agile e scattante, a nutrito con il suo latte rendendolo che è da sempre conosciuto come il Re degli dei.

E’ proprio da  questa legenda che nasce l’azienda Amaltea, situata nelle terre del comune di Celle di Bulgheria.

Il formaggio di capra Amaltea si rifa il look | Sempione News

Ad averla fondata nel 2010, Filomena Merola : il suo obbiettivo era quello di riprendere un’antica usanza al fine di realizzare un prodotto dalle straordinarie qualità organolettiche . Al centro della produzione di Amaltea, infatti, c’è il cacio ricotta di capra , presidio Slow Food, che rappresenta  uno dei prodotti più emblematici delle zone a cavallo tra Basilicata e Campania.

Il cacioricotta è una delle testimonianze più antiche delle tradizioni  pastorali: realizzato con latte di capra, caglio e sale, è un prodotto dalle tante sfumature. Da Amaltea se ne trovano le qualità più disparate: fresco, con l’aggiunta di olive, noci e rucola; scamosciato con una stagionatura dal gusto più robusto e deciso; aromatizzato con gli ingredienti come il peperoncino rosso il vino o le foglie di mirto.

L’azienda, che presto si amplierà diventando un agriturismo , trasforma anche i frutti della macchia mediterranea come il corbezzolo, il biancospino ed il mirto.

Contatti

Mobile 392 9238767

E-mail:  fm.amaltea@yahoo.it